L’impatto delle neuroscienze e neurotecnologie contemporanee sulla medicina. Una prospettiva transumanistica e postumanistica
PDF (Italiano)

How to Cite

Farisco, M. (2012). L’impatto delle neuroscienze e neurotecnologie contemporanee sulla medicina. Una prospettiva transumanistica e postumanistica. Studia Bioethica, 4(1). Retrieved from https://ojs.upra.org/index.php/bioethica/article/view/3261

Abstract

Le attività mentali umane rappresentano la frontiera più avanzata e l’oggetto di ricerca più ambizioso dell’ibridazione tra biologia e tecnologia, quest’ultima innescata e guidata dalla cosiddetta tecnoscienza contemporanea . Da questo tipo di applicazioni tecnologiche emergono, allo stesso tempo, le più imponenti e affascinanti questioni etiche e antropologiche; probabilmente, esse costituiscono le tematiche più urgenti nell’ampia e affascinante discussione filosofica relativa alle neuroscienze e alla neurotecnologia, settori per molti aspetti ancora giovani eppure già altamente problematici. In particolare, i dibattiti sono concentrati sulle conseguenze etico-legali degli straordinari progressi registrati nella nostra conoscenza e nelle nostre possibilità pratiche connesse a quella che possiamo definire ‘neuro-tecno-scienza’ contemporanea. Tali questioni si collocano senz’altro tra le più interessanti ai fini di una riflessione neuroetica e neurobioetica, chiamate come sono a elaborare nuovi paradigmi con lo scopo di pensare la crescente ibridazione tra uomo e tecnica, nonché la tendenza definibile ‘post-antropologica’ della cultura contemporanea . Rinviando ad altra sede un approfondimento specifico delle questioni etiche e legali delle neuroscienze, si propongono in quanto segue alcune riflessioni sugli effetti dello scenario (post)antropologico emergente dalla (neuro)tecnoscienza contemporanea sulla medicina, intesa sia come disciplina sia come pratica clinica.
PDF (Italiano)